Con la super Brexit l’Inghilterra intasca 24 miliardi di euro

Riprendere il controllo del paese e delle frontiere porterebbe alla creazione di 400 mila nuovi posti di lavoro. Uscendo dall’unione doganale europea, il Regno Unito diventerebbe inoltre un punto di riferimento globale per il libero scambio. È quanto sostiene il gruppo di pressione Change Britain, nato dalle ceneri della gloriosa macchina da guerra referendaria Vote Leave, la campagna ufficiale del fronte per l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea uscito vincitore dalla battaglia referendaria dello scorso 23 giugno.

Lasciando l’unione doganale, sottolinea l’organizzazione, il Regno Unito sarebbe pronto ad affacciarsi nell’era del superamento delle organizzazioni sovranazionali per lanciarsi in accordi bilaterali, sulla scia della politica estera e commerciale annunciata dal presidente statunitense eletto Donald Trump. Secondo Change Britain, in caso di Brexit “dura”, con l’addio al mercato comune ed il ritorno del controllo sull’immigrazione, l’economia britannica guadagnerebbe almeno 24 miliardi di sterline all’anno, risparmiando quasi 10,4 miliardi di contributi al bilancio comunitario, 1,2 miliardi di oneri regolamentari e concludendo nuovi accordi commerciali per 12,3 miliardi.

Continua a leggere su LiberoQuotidiano.it.

CC BY-ND 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NoDerivatives 4.0 International License.

Gabriele Carrer

Giornalista @ La Verità.